Italy 2018 General Election

If significant policy shifts occur during the campaign, some chart positions, based on speeches, parliamentary voting records and manifestos, may alter accordingly.

Immigration is a major issue in this election, and Euroscepticism has never been stronger. Parties previously more on the fringes of Italian politics are generally succeeding in exploiting the frustrated hopes of mainstream party voters. There’s even an outside chance of a nightmare result for Brussels: an anti EU coalition, comprising the Five Star Movement, The Northern League and Brothers of Italy. The Five Star Movement, enjoying popularity with young voters, combines green issues and internet democracy with less overt nationalism and an extraordinary cluster of left and (mostly) right economic policies. It holds the mayoralty in Rome, and probably has too many social differences with the deeply conservative Northern League and the quasi fascist Brothers of Italy to successfully share the reins of national government. The Brothers of Italy, unlike nationalist parties with neoliberal economics, recognises that open borders for the free flow of capital necessitate open borders for the free flow of immigrants. Consequently, it opposes both globalisation and immigration.

The Northern League, originally established to promote federalism, and possible secession from Rome, has recast itself as a northern-based and deeply conservative national party of Euroscepticism, and opposition to immigration.

As we’ve pointed out in other electoral analyses, most notably the recent French and German ones, some parties commonly — and incorrectly — described as ‘far right’ are actually quite moderate economically. Their extremism lies in their authoritarian social views. the much-discussed centre has shifted significantly to the right in recent years to the point where many apparently moderate parties in this election are actually economically to the right of earlier Christian Democratic administrations. Similarly SI is commonly viewed as ‘far left’, despite its Keynesian rather than Marxist orientation. SI’s policies are similar to those of the northern European mainstream Social Democrats prior to the mid 1980s. But in those days, the centre was in a very different place! SI, although placed on our chart for interest, has merged in the election with Free and Equal

Prime Minister Paolo Gentiloni’s ruling Centre Left coalition, led by his Democratic Party (PD), is losing ground to the Centre Right bloc and the Five Star Movement. PD, like its sister parties in so many other European countries, has embraced neoliberalism, championed the TTIP, adopted EU austerity prescriptions and opposed certain welfare provisions, especially for the elderly. Despite its rhetoric and self-definition, the party, in reality, belongs on the right of the spectrum.

The Centre Left bloc is suffering the demise common to most social democratic parties. It’s too tepid for many socialists, and a visionless anachronism for much of the wider population. Gentiloni has also been knocked back by the Free and Equal Party’s decision to field the election independent of a grouping that it considers to be far too attached to the rightward shifting centre. Free an Equal, led by anti-Mafia magistrate and former Senate president Pietro Grasso, is an attractive option for disillusioned leftists, but many CL supporters condemn it as a spoiler party that might facilitate a CR victory.

The ascendant Centre Right’s backbone is Forza Italia, led for years by former prime minister and pre-Trump vulgarian Silvio Berlusconi. He can no longer stand for office because of a tax fraud conviction and the taint of a succession of sex scandals. Nevertheless the 81-year-old returns as the party’s principal campaign voice, and positive proof of life after political death.

Perhaps the most likely outcome of the election will be a potentially stormy and almost inevitably short-lived grand coalition of the Centre Left and Centre Right, leaving the remainder of the parties — those with significantly more ideological distinctions — out in the cold. Whatever the outcome, you can be sure that Italy will return to the status quo of perpetual political instability.


L’immigrazione è un argomento importante durante queste elezioni, e l’Euroscetticismo non è mai stato più forte. I partiti in precedenza più sul margine della politica italiana stanno avendo successo sfruttando le speranze frustrate degli elettori di partiti mainstream. E’ anche presente un possibile risultato incubo per Bruxelles: una coalizione anti UE, composta da Movimento 5 Stelle, Lega e Fratelli d’Italia. Il Movimento 5 Stelle, popolare tra gli elettori più giovani, combina argomenti “verdi” e democrazia elettronica con un minore nazionalismo politico e uno straordinario raggruppamento di politiche economiche di sinistra e (per la maggior parte) di destra. Possiede la carica di sindaco a Roma, ma ha troppe differenze sociali rispetto alla profondamente conservatrice Lega e i quasi fascisti Fratelli d’Italia per condividere con successo le redini di un governo nazionale. I Fratelli d’Italia, a differenza di partiti nazionalisti con opinioni economiche neoliberali, riconoscono che le frontiere aperte per libero passaggio di capitale necessitano di frontiere aperte per libero passaggio di immigrati. Di conseguenza, sono contrari sia alla globalizzazione che all’immigrazione.

La Lega, originariamente stabilita per promuovere federalismo, e una possibile secessione da Roma, si è riproposta come un partito di Euroscetticismo con sede al nord e profondamente conservatore che è contrario all’immigrazione. Dalle nostre analisi elettorali, principalmente quelle recenti di Francia e Germania, alcuni partiti di solito – e incorrettamente – descritti come “di estrema destra” sono in realtà molto moderati economicamente. Il loro estremismo giace nelle loro visioni sociali autoritarie. Il centro molto discusso si è spostato sensibilmente a destra negli ultimi anni fino ad avere partiti apparentemente moderati che si rivelano economicamente alla destra delle prime amministrazioni Democristiane. Similmente la Sinistra Italiana è comunemente vista come “di estrema sinistra” malgrado l’orientamento più Keynesiano che Marxista. Le politiche della Sinistra Italiana sono simili a quelle dei partiti social-democratici del nord Europa precedenti gli anni 80. Ma a quei tempi il centro era in un posto completamente diverso. La Sinistra Italiana, anche se inclusa nella nostra mappa per interesse, si è unita con Liberi e Uguali.

La coalizione del centro sinistra del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, capitanata dal suo Partito Democratico, sta perdendo punti rispetto al blocco di centro destra e i Cinque Stelle. Il PD, come i suoi partiti fratelli in tanti altri paesi europei, ha abbracciato il neo-liberismo, sostenuto con forza il TTIP, adottato provvedimenti di austerità prescritti dall'Unione Europea e si è opposto a interventi sul welfare, in particolare in materia di pensioni. A dispetto della retorica e della sua auto-classificazione, il partito in realtà si colloca nella destra dello spettro.

Il blocco di centro sinistra sta soffrendo la fine comune della maggior parte dei partiti social-democratici: è troppo poco entusiasta per i socialisti ed è un anacronismo banale per la maggior parte della popolazione. Gentiloni è inoltre stato rallentato dalla decisione del partito Liberi e Uguali di partecipare alle elezioni indipendentemente, rispetto al gruppo che considera troppo attaccato a un centro tendente destra. Liberi e Uguali, guidato dal magistrato anti-mafia ed ex Presidente del Senato Pietro Grasso, è un’opzione attraente per persone di sinistra disilluse, ma molti di Centro Sinistra lo giudicano come un partito di disturbo che potrebbe facilitare una vittoria del centro destra.

La colonna portante del centro destra è Forza Italia, guidata da anni dall’ex Presidente del Consiglio e persona di spunto per Trump, Silvio Berlusconi. Non può ottenere il mandato di Presidente perché giudicato colpevole di evasione fiscale e contaminato da una successione di scandali sessuali. Nonostante ciò, l’ottantunenne ritorna come voce principale della campagna elettorale e come prova di rinascita dopo una morte politica.

Il risultato più probabile dell’elezione sarà una coalizione di breve durata tra Centro Sinistra e Centro Destra, che lascierà i partiti rimanenti – quelli con distinzioni ideologiche più significative – con le mani in mano. Qualunque sia il risultato, è sicuro che l’Italia ritornerà al suo status quo di perpetua instabilità politica.

Our grateful thanks to Guglielmo Boldrini for the translation